Ed eccoci arrivati al grande momento. Domani a FICO Eataly World di Bologna, si terrà la quarta edizione di quella che, tra tutte le attività organizzate dal nostro Club nell’arco dell’anno, è sicuramente la più intensa ed importante: il Tesla Club Italy Revolution. Sarà davvero una giornata piena ed interessante. Dopo avere conosciuto i primi nove relatori che parteciperanno alla conferenza nazionale, ci sembra giusto presentarvi brevemente tutti gli altri.

In molti sognano di vedere una gara dedicata a Tesla, o anche “solo” delle Tesla da corsa. C’è ovviamente che ha trasformato questo sogno in realtà. Come Magicmotorsport, che ci svelerà le caratteristiche della Tesla Model S da corsa, ma anche cosa cambierà nel mondo del motorsport. Ci saranno nuove opportunità? Cosa sostituirà il rombo dei motori? Siamo destinati ad abituarci al “Silenzio elettrico”? Durante l’intervento verranno anche spiegate le caratteristiche del prototipo da corsa Tesla Model S by Magicmotorsport dall’amministratore delegato della stessa azienda, Bogdan Skutkiewicz.

Sarà poi la volta di Massimiliano Braghin, imprenditore nel settore dell’innovazione sostenibile, che ci racconterà com’è fare 100.000 km elettrici all’anno, “con Tesla verso l’infinito e oltre”. Un anno di strada, 1.000 volte 100km: tanta strada passando in silenzio in mezzo alla natura… senza emettere climalteranti, andando alla giusta velocità, gareggiando di continuo per ridurre il rapporto Wh x km; sperimentando l’efficienza energetico/economica, la sostenibilità all’ennesima potenza, la passione, ma anche la speranza concreta di un nuovo paradigma di realtà infinita.

Attenzione, però, perché lo sviluppo della mobilità elettrica passa anche dalle modifiche al Codice della Strada. Ce lo ricorderà Mauro Vergari, Responsabile Ufficio Studi, Ricerche e Innovazioni di Adiconsum che ha realizzato, per conto di Motus-E, uno studio nel quale elenca le proposte di revisione e modifica degli articoli del Codice della Strada per favorire appunto la mobilità elettrica. Quattro le aree tematiche principali, all’interno delle quali si è cercato di mettere a fuoco le norme di principale impatto. Attraverso l’implementazione del Codice della Strada finalmente verrebbero normati degli specifici ambiti relativi alla mobilità elettrica che attualmente ancora causano incertezze fra i consumatori e che impediscono la diffusione di suddetta forma di trasporto sostenibile al pari di quella legata la motore termico, come per esempio le colonnine di ricarica, la segnaletica specifica e l’individuazione delle auto elettriche.

Se si parla di mobilità elettrica e di Tesla in particolare viene da sé la necessità di considerare gli aspetti giuridici ed etici della guida autonoma. Lo sviluppo delle auto a guida autonoma rappresenta infatti il futuro della circolazione automobilistica, ma nonostante i notevoli progressi tecnologici nel settore occorrerà gestire al più presto gli aspetti giuridici (ad esempio in termini di responsabilità civile/penale in caso di incidente) e risolvere dilemmi etici (ad esempio su come impostare gli algoritmi che indicheranno al veicolo le scelte da compiere in situazioni critiche), per le auto a guida autonoma. Ne parleremo con l’avvocato Claudio Elia, giurista internazionale d’impresa nonché Legal Director in STMicroelectronics.

Parlare di Tesla e di Elon Musk porta quasi automaticamente a trattare temi legati alle tecnologie spaziali. Forse non tutti lo sanno, ma nel 2021 avverrà uno scontro frontale fra un asteroide e una sonda NASA lanciata dalla sorella di Tesla, SpaceX, a 21 mila km/h a 10 milioni di chilometri dalla Terra. Un evento ovviamente non casuale, ma programmato nei minimi dettagli per difendere la Terra da un pericolo concreto. Questa missione – a tratti fantascientifica – avrà un testimone oculare d’eccezione tutto italiano: LICIACube. Lo SmallSat Made in Italy firmato Argotec, rilasciato poco prima dell’impatto, monitorerà tutte le fasi della missione per verificare l’efficacia della variazione orbitale dell’asteroide. Ci parlerà di questa incredibile missione spaziale Alessandro Balossino, Argotec R&D Project Engineer.

Dopo questi interventi, ossia alle ore 18:00, la conferenza si chiuderà, dando così fine all’evento per i possessori dei biglietti Standard. Non sarà invece così per coloro che hanno acquistato i biglietti Business e quelli Tesla Owner, che dopo la pausa caffè avranno modo di assistere allo speech di Maria Cristina Facchini, Direttore Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR, “Inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici: due facce della stessa medaglia”. La qualità dell’aria e il cambiamento climatico sono intimamente legate fra loro, in quanto le sorgenti di gas ad effetto serra sono immettono in atmosfera anche inquinanti gassosi e particolati.

In seguito, sempre per i possessori del biglietto Business e biglietto Tesla Owner, ci sarà l’usuale tavola rotonda con i Tesla Owner italiani, con un grado di approfondimento elevato, derivante dalle esperienze reali dei possessori Tesla italiani. La presenza di alcuni clienti Tesla, infatti, permetterà al pubblico di fare domande, anche tecniche e pratiche, sull’acquisto di una Tesla, il suo utilizzo, l’aspetto economico e finanziario e qualsiasi altro interrogativo utile a comprendere moltissimi aspetti importanti.

Come ogni anno abbiamo raggiunto il “Sold out” dei 400 biglietti ben prima del tempo e molte persone hanno provato ad ottenerne uno quando ormai era troppo tardi. Ci permettiamo quindi di consigliarvi, in vista della conferenza Tesla Club Italy Revolution 2020, di portarvi avanti in anticipo. Anche perché i primi che acquistano i biglietti hanno pure sconti generosi (del 50%) sul prezzo. Per restare informati, seguite il nostro sito, i nostri profili social ed il portale dedicato alla conferenza. Per chi invece è riuscito ad aggiudicarsi in tempo un biglietto per l’edizione 2019, ci si vede domani a Bologna!