Osaka, Giappone, e Palo Alto, California. Dopo tanti rumors, ci siamo. Panasonic e Tesla Motors assieme per la costruzione della Gigafactory, una fabbrica, un impianto, uno stabilimento per la progettazione e realizzazione di batterie agli ioni di litio da montare nelle Tesla.

I compiti sono chiari e ben divisi fin da subito: Tesla si occuperà di costruire e gestire gli edifici, le strutture ed i terreni del grande complesso. Panasonic, invece, realizzerà le celle agli ioni di litio e si preoccuperà di acquistare e gestire tutti i macchinari e le tecnologie necessarie per farlo.

La motivazione del progetto Gigafactory è semplice: ridurre i costi (grazie all’economia di scala, principalmente) ed i tempi della costruzione di batterie in vista dell’aumento “di carico” che Tesla prevede grazie alle vendite dei nuovi e futuri modelli. Come sappiamo, quest’ultimi (in particolare la Tesla Model 3) avranno un costo più accessibile rispetto alla Tesla Roadster e alla Tesla Model S. La Tesla Model 3 non sarà ancora, probabilmente, “di massa” ma aprirà di certo la possibilità di avere una Tesla ad un numero enorme di persone rispetto ai modelli precedenti. Nel frattempo, comunque, Tesla continuerà ad approvvigionarsi dagli stabilimenti giapponesi di Panasonic per far fronte al suo fabbisogno.

Parlando di numeri, la realizzazione di Gigafactory richiederà 5 miliardi di dollari. Per contro, la fabbrica sarà in grado di dare lavoro a 6500 persone, tagliare i costi di produzione del 30% e produrre tante batterie per 500.000 veicoli all’anno. Tutto questo, entro il 2020 secondo i piani di Elon Musk (e a partire dal 2016, anno in cui Gigafactory dovrebbe essere pronta ed attiva).

Sempre entro il 2020, Gigafactory sarà in grado di produrre 35 GWh di celle e 50 GWh di pacchi batteria ogni anno. Numerini, eh?

Manca un’informazione importante (che vi sarete chiesti per tutta la lettura di queste righe): dove sarà la Gigafactory?. Come vedete dall’immagine seguente, Tesla sta pensando al Nevada, al Texas, all’Arizona ed al New Mexico.

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Le possibili locations della Gigafactory

Le possibili locations della Gigafactory

Restate sintonizzati, anche nei nostri socials.
[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]