Please follow and like us:

L’autonomia è una delle principali sfide sia di Tesla che di ogni costruttore di auto elettriche. Ma di quanto deve essere per portare anche il più ansioso degli automobilisti a non provare alcuna “Range Anxiety”? Tesla in questi giorni ha superato le 400 miglia (circa 643 km) di autonomia, annunciando che tutte le nuove Model S Long Range Plus vendute in Nord America avranno un’autonomia ufficiale certificata dall’EPA di 402 miglia: è un aumento di quasi il 20% rispetto a un modello del 2019 con lo stesso pacco batteria. Viene da chiedersi se un’autonomia del genere non basti: chi non si ferma nemmeno per un caffè o per andare in bagno prima di avere fatto più di 640 chilometri? Ma la domanda che più ci interessa qui è: in che modo gli ingegneri di Tesla hanno ottenuto un miglioramento così significativo?

La risposta sta in una combinazione di diversi progressi tecnici. Ad esempio, le nuove ruote Tempest hanno una resistenza aerodinamica inferiore e un nuovo pneumatico personalizzato, con una minore resistenza sull’asfalto: queste due modifiche insieme hanno portato a un aumento dell’autonomia del 2%. L’unità di azionamento a induzione CA posteriore, invece, monta una nuova pompa dell’olio elettrica che ottimizza la lubrificazione e riduce l’attrito rispetto alla precedente pompa meccanica. I miglioramenti al cambio nel motore a riluttanza sincrona a magnete permanente anteriore, che si trovano anche sulla Model 3 e la Model Y, hanno comportato un ulteriore aumento del 2% dell’autonomia. Non solo, la Model S in questione ha una nuova funzione di guida chiamata Hold, che con la frenata rigenerativa restituisce più energia al pacco batteria. Ma i maggiori vantaggi derivano da una significativa riduzione della massa del veicolo. “La massa è nemica sia dell’efficienza che delle prestazioni – spiegano da Tesla – e ridurre al minimo il peso di ogni componente è un obiettivo costante per i nostri team di progettazione e ingegneria.” Insomma, ad otto anni dal lancio della Model S, innovazione, ricerca e miglioramenti ancora non si fermano.