Chi ha una Tesla, rispetto a chi possiede una qualsiasi altra auto elettrica, tra le varie fortune che ha si ritrova quella di potere soffrire poco o per nulla della cosiddetta “range anxiety”, ossia l’ansia che prende all’idea di non avere sufficiente autonomia della batteria. Una caratteristica del marchio californiano legata alla tecnologia delle sue batterie, ma anche all’uso di ruote più “intelligenti”. Che, come nel caso della Model 3, si vanno ad aggiungere a sospensioni a loro volta “smart”. Si tratta delle Aero Wheels e delle Smart Air Suspension, due sistemi pensati per rendere l’auto più confortevole, ma anche e soprattutto più efficiente.

A differenza delle altre vetture elettriche, le batterie Tesla hanno un’autonomia decisamente superiore. Ciò non significa però che non si debbano trovare altri modi per aumentarla ulteriormente, e quindi per risparmiare sia soldi che energia. Come le Aero Wheels, già diventate un tratto distintivo della Tesla Model 3.

In pratica, si tratta di copricerchi da 18 pollici che, grazie a un design che le ha rese particolarmente aerodinamiche, possono aumentare l’autonomia della Model 3 addirittura del 3%. Niente male, considerando che il suo range, anche se paragonato a a quelli delle sue sorelle maggiori Model S e Model X, è di tutto rispetto: 220 – 310 miglia di autonomia, vale dire dai 355 a 500 km circa.

A non tutti, come emerso anche nel nostro gruppo Facebook in precedenti discussioni, piacciono questi cerchi e copricerchi. Ma come fa giustamente notare qualcuno, anche in caso non dovessero essere ancora la migliore soluzione a livello estetico, restano comunque un ottimo risultato. E poi diciamolo, non sono in molti a dare la possibilità di risparmiare carburante (o elettricità in questo caso) offrendo dei particolari copricerchi.

Per quanto riguarda invece le Air Suspension, sono un tipo di sospensioni che, stando anche a quanto rivelato da Elon Musk su Twitter, equipaggeranno la Tesla Model 3 a trazione integrale, ossia il “dual motor all-wheel-drive” atteso per la primavera del 2018.

In effetti, le sospensioni intelligenti sono sempre state un altro punto forte delle Tesla. Chi ne ha una, infatti, sa che se ne può modificare l’altezza in base alle strade che si vogliono o che si è soliti percorrere. Il tutto facendo memorizzare al GPS il set up, in modo che l’auto ricordandosene di volta in volta le regoli da sola non appena si ripercorrono determinate strade.

Alcuni testimoni fanno presente che, dopo il primo set up, anche dopo anni non hanno più dovuto regolare le sospensioni della loro Tesla, che le alza o abbassa automaticamente in base alla strada. Ovviamente non si tratta solamente di percorsi sterrati che si possono incontrare sui propri tragitti quotidiani, ma anche di quelli ad esempio in cui ci sono molti dossi. O in autostrada, dove la propria Tesla abbassa le sospensioni appena supera una certa velocità, migliorando l’aerodinamica e aumentando l’efficienza e quindi il range della vettura.

Le Smart Air Suspension di Tesla non sono una novità assoluta. Erano state introdotte come aggiornamento facoltativo sulla Model S e diffuse già nel 2012. Oggi sono un elemento standard sia per la Model S che per la Model X, ma la novità è appunto che, fra qualche mese, anche grazie a loro la Model 3 dual motor potrà migliorare ulteriormente le sue prestazioni.