Please follow and like us:

Manca sempre meno al Battery Day di Tesla e, al di là delle principali sorprese che questo evento ci potrà riservare, il suo nome lascia trasparire una delle principali ambizioni della casa californiana: costruire in autonomia le celle e quindi le proprie batterie. All’inizio di quest’anno, il portale Electrek ha rivelato in esclusiva il progetto segreto “Roadrunner” di Tesla, che mira appunto a un sistema di produzione di celle per batterie progettate internamente. Obiettivo: aumentare il volume di produzione e ridurre i costi. Oggi, lo stesso sito americano mostra sempre in esclusiva a che punto è la nuova cella del progetto Roadrunner, per il quale è stato costruito un apposito “impianto di produzione di batterie Tera” nelle strutture di Tesla in Kato Road, vicino alla fabbrica di Fremont. La casa automobilistica sta anche pianificando di implementare la produzione di batterie nella sua prossima Gigafactory Texas ad Austin.

Il diametro della nuova cella è due volte più grande delle celle 2170 di Tesla, attualmente utilizzate in Model 3 e Model Y e prodotte da Panasonic dal 2017 presso la Gigafactory Nevada. “Raddoppiando il diametro di una cella della batteria si ottiene 4 volte il volume nella cella”, spiega Electrek: “Se il nuovo volume viene utilizzato in modo efficiente, si guadagna molta capacità, riducendo i costi con meno involucri e meno celle per confezione.” Per maggiori dettagli, cliccate qui. E soprattutto seguite il Battery Day il prossimo 22 settembre!