Ecco la prima Tesla Model S station wagon

Abbiamo recentemente parlato della possibilità di vedere su strada una Tesla station wagon e l’argomento ha suscitato molto interesse, oltre che curiosità. Stando ai commenti ricevuti sui nostri profili social, al pubblico italiano l’idea di una Model S familiare piace molto. In effetti, in Europa questo tipo di auto va moltissimo, e l’idea di aggiungere ulteriore spazio disponibile a quello già abbondante offerto dalle Tesla sembra solleticare i desideri di molti. Tanto che la startup inglese Qwest è andata ben oltre i progetti e le idee, realizzando la prima Tesla Model S wagon del mondo.

Lo avevamo scritto in un post e condiviso attraverso un video di “Fully Charged” nemmeno tre settimane fa, e adesso il sogno (di molti) è già diventato realtà: è possibile avere la propria Model S anche in versione familiare. Merito del team di designer e ingegneri nella contea inglese del Norfolk riuniti nel progetto Qwest. Che, pochi giorni fa, ha diffuso anche con il Tesla Club Italy via Twitter alcune foto della sua creatura.

Nell’eseguire questa modifica si è dovuta prestare particolare attenzione nel riequilibrare i pesi della parte anteriore e posteriore della vettura, dato che dietro ci si è ritrovati ad averne più di prima. Per non eccedere nel peso aggiunto con il nuovo bagagliaio, il materiale usato è stato la fibra di carbonio, che oltre a una maggiore leggerezza presenta importanti caratteristiche quali l’elevata resistenza meccanica e alle variazioni di temperatura, la capacità di isolamento termico e le buone proprietà ignifughe.

La principale difficoltà, però, è stata soprattutto quella di fare attenzione a non compromettere il complesso sistema di connessioni che attraversano una Model S. Con tutta la tecnologia, i sensori e l’elettronica presenti su una Tesla, infatti, può essere facile andare a toccare qualcosa che poi non si è più in grado di rimettere a posto.

Non è così per il team Qwest, che afferma con certezza di avere eseguito la modifica senza aver compromesso le funzioni dell’auto. A ulteriore conferma di ciò, la startup del Norfolk ha ottenuto supporto da parte di Tesla (casa madre), che ha garantito un costante controllo e tutti gli aggiornamenti del software necessari a questa nuova Model S anche in seguito alle importanti modifiche ricevute.

Parliamo spesso di ambiente, riduzione delle emissioni di gas serra, ristrutturazione e rinnovamento del sistema energetico ed infrastrutturale. Ma vuoi vedere che il miglior modo per diffondere anche in Europa su larga scala l’auto elettrica è l’offerta di una Tesla station wagon? Il dubbio che possa essere davvero così viene, dopo i numerosi apprezzamenti fatti ai prototipi (tutti europei, guarda caso) di Model S e Model 3 “Kombi”.

Del resto, al momento non esistono modelli di auto elettriche familiari, e questo primo esemplare eseguito da Qwest è praticamente il primo in circolazione al mondo. Tesla al momento non sembra intenzionata ad offrire questo tipo di vettura, ma forse farebbe bene a pensarci. Di sicuro non ci metterebbe molto a trovare soluzioni aerodinamiche interessanti in questo senso. E così sarebbe ancora una volta la prima a mettere sul mercato un’auto non solo molto bella e innovativa, ma anche molto funzionale.

E voi, cosa ne pensate? Sareste disposti a cedere le linee sportive di una Model S per una familiare di lusso come questa?

Associati gratuitamente al Tesla Club Italy

 

By | 2017-12-19T17:28:22+00:00 20 dicembre, 2017|Auto elettriche, Tesla Model S|0 Comments

About the Author:

Tesla Club Italy è il primo club Tesla italiano e, ancor più orgogliosamente, tra i primissimi al mondo. Tesla Club Italy, infatti, é nato il 23 Settembre 2010 prima ancora dell’arrivo di Tesla in Italia. E’ l’autorevole punto di riferimento italiano dedicato agli appassionati ed ai possessori Tesla, la casa californiana che sta rivoluzionando il settore dell’auto e quello energy.